Cos'è l'out of stock?

L'out of stock, detta anche rottura di stock, si verifica quando si esauriscono le scorte di un articolo in magazzino o nel punto vendita.

Una cattiva gestione dello stock, causa il rischio di una diminuzione delle vendite e del fatturato e, se continua per un lungo periodo, può portare danni al commerciante per quanto riguarda la sua immagine aziendale e dal punto di vista econimico causa perdita clienti.

Per evitare queste spiacevoli situazioni, è molto importante conservare in magazzino una scorta di sicurezza, chiamata anche buffer stock così da mettersi al sicuro in tal caso ci fossero variazioni della domanda o ci fosse un ritardo nella consegna della merce.

Cosa determina la rottura di stock?

La rottura di stock, non sempre è data da un'inefficenza del commerciante o dalla gestione del magazzino. Molto spesso riguarda le seguenti cause:

  • Improvviso aumento della domanda: le richieste di un determinato articolo aumentano cogliendo le imprese alla sprovvista;
  • Previsione errata della domanda: quando le attività fanno previsioni sbagliate sulla domanda di un prodotto da parte di un consumatore e prendono meno scorte in magazzino;
  • incoerenza dell'inventario: la rottura di stock è data anche da una contabilità sbagliata portata nell'inventario, quindi tra i dati dell'inventario e l'effettiva presenza di merci in magazzino;
  • Ritardo nel trasporto;
  • Ritardi di consegne da parte dei fornitori.

Come evitare la rottura di stock?

In ogni punto vendita e in ogni mercato moderno, capita purtroppo che si verifichi la rottura di stock. Per ottenere previsioni più accurate ed evitare la rottura è importante tener sempre presente che:

  • In ogni previsione di domanda, bisogna prevedere un margine di errore;
  • È molto importante conoscere alla perfezione il ciclo di vita di ogni prodotto;
  • Bisogna pianificare le azioni necessarie per identificare i picchi di richieste legati alla stagionalità e gestirli con successo.

Quindi, per evitare la rottura di stock, è importante avere sempre il controllo dell'inventario e avere un'ampia visione delle merci in stock nei magazzini, così facendo si riesce a minimizzare gli errori e gli sprechi per un'eventuale boom di richieste.

Ci sono degli indicatori di attività che riguardano la gestione dell'inventario e che servono ad individuare le negligenze presenti nei processi di stoccaggio ed evitare una rottura di stock. A questo proposito, per avere un monitoraggio migliore delle scorte è importante sapere che:

  • Il reorder point (punto di riordino): serve a prevenire l'esaurimento delle scorte segnalandoti quando le scorte sono in esaurimento;
  • L'indice di rotazione delle scorte: Indica con che frequenza le merci entrano ed escono dal magazzino ed è utile sia per il calcolo delle quantità di scorte di prodotti, sia quanta superficie occupano;
  • il Buffer stock: È la quantità di merci che si ha a disposizione quando si presentano degli imprevisti inaspettati.

La gestione delle scorte è un processo fondamentale per tener sotto controllo il materiale che passa dal magazzino. L'obiettivo della gestione delle scorte è quello di riuscire a gestire al meglio la merce, per non arrivare alla rottura e garantire al consumatore la disponibilità dei prodotti nei punti vendita.

Abbiamo inventato Framework360

La prima Essential Marketing Platform, un software di marketing molto potente.

Realizzando il tuo sito web su Framework360 otterrai un notevole incremento delle performance delle tue campagne di marketing.

Ricevi news e strategie settoriali dal mondo del digital marketing:

Tranquillo, non ti invieremo mai spam e terremo i tuoi dati al sicuro.

Hai trovato interessante questo articolo?