Studi di settore dimostrano che il 92.6% degli acquisti sono influenzati dai colori. Perché è così importante questo elemento nel percorso decisionale di acquisto?

A livello scientifico lo stimolo visivo è il primo e più immediato aspetto sensoriale e pertanto, in situazioni comunicative particolari come le interazioni on-line (dove non sono presenti altri sensi come olfatto e tatto), il fattore cromatico diventa fondamentale.

I colori trasmettono sensazioni (anche se da cultura a cultura possono variare) e possono influenzare addirittura gli stati d’animo di chi li osserva e l’umore dei clienti, sia on-line che off-line.

Analizziamo insieme le principali caratteristiche dei vari colori per capire davvero come utilizzarli e come persuadere il cliente ad effettuare una certa azione.

Psicologia del colore rosso

È un colore primario e trasmette passione, sicurezza e urgenza. Ecco alcuni brand che hanno scelto questo colore per i loro loghi:  

  • Canon
  • Coca cola
  • Levis
  • H&M
  • Pinterest

Questo colore viene utilizzato in molti settori come  quello degli incontri e dell’amore perché il rosso trasmette eccitazione e audacia; quello medico e elettronico perché trasmette urgenza e pericolo; nei fast food perché trasmette energia e dinamicità (stimola l’appetito).

Nel web il rosso viene utilizzato per indicare particolari elementi e sottolinearne il caratteri di urgenza. Un buon esempio può essere rappresentato dall’utilizzo di questo colore nelle promozioni (a tempo) con call to action anche negli e commerce.

Ecco un esempio riuscito di comunicazione web con il colore rosso:

molto ben realizzato, nella sua semplicità, il sito de “Lafeltrinelli” dove tutte le voci del menù si sviluppano su tonalità di rosso (come il logo) e dove la call to action “aggiungi al carrello“ è di colore rosso proprio per indicare urgenza e spingere l’utente a cliccare. Inoltre, anche i prezzi sono in rosso, e le versioni che si vogliono spingere di più (esempio versione cartacea) sono realizzate con bottoni dai bordi rossi.

Psicologia del colore giallo

È un colore primario e trasmette energia, allegria e ottimismo. Ecco alcuni brand che hanno scelto questo colore per i loro loghi:  

  • Hertz
  • Nikon
  • Mcdonald's

Questo colore viene utilizzato in molti settori come quello dell’infanzia perché trasmette gioia e allegria; quello della cultura perché stimola l’intelletto e creatività; quello della segnaletica stradale perché trasmette attenzione e avviso (accostato al nero significa pericolo).

Nella variante del giallo poco acceso si trasmette invece infedeltà e si utilizza questa tonalità di giallo nel settore investigativo.

Nel web si utilizza il giallo per avvisi e pop up oltre che per head line di effetto.

Ecco un esempio riuscito di comunicazione web con il colore giallo:

il sito di Nikon presenta molti inserti gialli, tra cui le call to action che portano alle sezioni interne. Il giallo, in questo caso, trasmette creatività e la sapiente combinazione con il nero (negli sfondi) dà un tocco di professionalità ed eleganza in più.

Psicologia del colore Blu

È un colore primario e trasmette sicurezza, affidabilità e produttività.  Ecco alcuni brand che hanno scelto questo colore per i loro loghi: 

  • Facebook
  • Ford
  • Nivea
  • Allianz
  • Volkswagen

Questo colore viene utilizzato in molti settori come quello bancario e di business di settore perché trasmette affidabilità e fedeltà; nel settore del marketing della tecnologia e del web perché trasmette creatività e sicurezza; nei settori medicali e di sicurezza perché trasmette cura e salute; nel settore dell’infanzia perché trasmette innocenza, morbidezza, tranquillità e comprensione (soprattutto nella variante azzurro).

Nel web Il blu è colore molto utilizzato in siti di business e tecnologia con elementi che vanno dai titoli ai bottoni, in quanto trasmettono sicurezza ed affidabilità.

Ecco un esempio riuscito di comunicazione web con il colore blu:

Zurich e UnipolSai utilizzano il colore blu in varie declinazioni cromatiche e tonalità diverse in gran parte dei due siti. Il blu si intensifica e assume valore di rilevanza soprattutto nell’accesso ad aree riservate e dove si parla della casa (in quanto rappresenta un luogo sicuro).

Viste le caratteristiche dei colori primari ora parliamo dei cosiddetti non colori: il bianco e il nero.

Psicologia del colore bianco

Il bianco è la somma tutti i colori e viene definito come acromatico. Trasmette speranza, pulizia e semplicità.

Questo colore viene utilizzato in molti settori come quello medicale e domestico perché trasmette pulizia e sterilità; quello religioso perché trasmette bontà, speranza e innocenza;quello giuridico perché trasmette verità; nel mondo del wedding perché trasmette purezza.

Nel web si utilizzano gli spazi bianchi per definire minimalismo e design (rappresentano la perfezione e l’equilibrio).

Ecco un esempio riuscito di comunicazione web con il colore bianco:

OVS utilizza sapientemente il bianco: il logo è nero e gli elementi di call to action sono dello stesso colore, ma è il bianco che predomina. Gli spazi bianchi, header e i link dei bottoni trasmettono perfezione, design e ricercatezza. 

Psicologia del colore nero

Il nero è assenza di colore e si ottiene per mescolanza sottrattiva. Trasmette eleganza, potere e sofisticatezza.

Questo colore viene utilizzato in molti settori come ad esempio quello del lusso, perché trasmette eleganza e stabilità (soprattutto con sapiente accostamento di oro) o nel settore dell’abbigliamento (con target altospendente) perché identifica sicurezza e affidabilità.

Nel web spesso si utilizza il nero per header, bottoni e titoli per i motivi già citati (trasmette sicurezza e sofisticatezza). Ideale per siti di moda e e-commerce di lusso.

Ecco un esempio riuscito di comunicazione web con il colore nero:

un buon esempio di utilizzo del nero nel web con accostamento di altri colori è Kiko.

Ideale per siti di make-up, il nero è utilizzato molto astutamente in questo sito.  È evidente il bicromatismo con il viola che trasmette la volontà di esaudire un capriccio. Il nero viene utilizzato per link e per i bottoni.

Per completare l’analisi della psicologia dei colori ora parliamo dei tre colori secondari: arancione, verde e viola.

Psicologia del colore arancione

 È un colore secondario (si ottiene dalla mescolanza del giallo e del rosso) e trasmette fiducia, salute e creatività. Ecco alcuni brand che hanno scelto questo colore per i loro loghi: 

  • Firefox
  • Amazon
  • easyJet

Questo colore viene utilizzato in molti settori come quello dei progetti per target giovanile perché trasmette allegria, socialità e creatività o del settore bancario e politico perché trasmette dinamicità, cambiamento e vantaggi.

Nel web l’arancione è il colore del risparmio e si utilizza spesso per call to action, bottoni di conversione, box offerta e link che portano alla pagina dei prezzi.

Ecco un esempio riuscito di comunicazione web con il colore arancione: Amazon può essere già un esempio calzante, vista la presenza di titoli collegati a prezzi ed effettivi vantaggi. Inoltre anche i box dedicati in maniera specifica alle offerte è su background arancione.

Psicologia del colore verde

È un colore secondario (si ottiene dalla mescolanza del giallo e del blu) e trasmette relax e tranquillità speranza e crescita. Ecco alcuni brand che hanno scelto questo colore per i loro loghi:

  • Android
  • Xbox
  • Starbucks

Questo colore viene utilizzato in molti settori come quello della consulenza perché trasmette tranquillità, sicurezza e speranza; quello farmaceutico, perché trasmette fertilità, salute e benessere; quello bancario perché trasmette soldi, abbondanza ma anche creatività.

La variante del verde fosforescente è invece legata al mondo dei videogiochi.

Come si utilizza il verde nel web: spesso gli elementi verdi nel web sono call to action che portano a crescita e aumento dei guadagni, in quanto trasmettono sicurezza e tranquillità.

Ecco un esempio riuscito di comunicazione web con il colore verde:

Il verde è molto usato nelle catene dei fai da te come Leroy Merlin: infatti in questo caso si utilizza il verde per trasmettere vicinanza alla natura e lo stimolo alla creatività.

Psicologia del colore viola

È un colore secondario (si ottiene dalla mescolanza del rosso e del blu) trasmette successo, benessere e stabilità. Ecco alcuni brand che hanno scelto questo colore per i loro loghi:  

  • Yahoo
  • Fedex
  • Milka

Questo colore viene utilizzato in molti settori come quello della cosmesi e della moda perché trasmette vanità e successo o quello della comunicazione e del divertimento, perché trasmette creatività, fantasia e mistero.

Nel web il viola si utilizza negli e-commerce al femminile con elementi quali call to action, in accostamento al nero (come visto nell’esempio di Kiko).

Ecco un esempio riuscito di comunicazione web con il colore viola: il sito di Lines trasmette eleganza e raffinatezza, anche se il sito utilizza davvero tanto il viola, ma il sapiente utilizzo di tonalità diverse riesce a non appesantire le pagine web. Anzi, ne esaltano le funzionalità e i valori che vuole trasmettere l’azienda.

Come abbiamo visto i colori possono indurre davvero l’utente ad effettuare o meno un’azione.

Il rosso, l’arancione, il nero e il blu sono colori più adatti all’acquisto d’impulso: per questo li troviamo nei fast food, negli outlet e nelle vendite promozionali. Il blu navy e le tonalità vicine al verde sono associate a un acquisto basato sul risparmio, sono utilizzati da aziende di credito e istituti bancari.

Insomma, ogni colore trasmette (consciamente o inconsciamente) un impulso e la potenza di questo strumento è davvero importante.

Infine la differenza di genere: studi dimostrano che le donne prediligono il blu, il viola e il verde mentre non amano l’arancione, il marrone e il grigio. Gli uomini invece preferiscono il nero anziché il viola.

Da questi studi si capisce che una call to action di un bottone viola può convertire di più o di meno in base a chi sta vedendo la pagina web (la donna probabilmente convertirà di più rispetto ad un uomo).

È fondamentale quindi un utilizzo consapevole dei colori in base al target di riferimento. Il sapiente utilizzo di una tonalità invece che un’altra può essere una chiave strategica per la buona riuscita o meno di un progetto. 

Potrebbero interessarti...


Il cliente al centro del progetto: come Amazon ha rivoluzionato il mondo dell’e-commerce

19/01/2019

Il cliente al centro del progetto: come Amazon ha rivoluzionato il mondo dell’e-commerce

Amazon è ormai l’e-commerce più popolare e importante al mondo, il suo fondatore Jeff Bezos è da poco tempo l’uomo più ricco del pianeta superando Bill Gates con un patrimonio di ben 166 miliardi di dollari.

Ikea ovunque: marketing integrato di successo

19/01/2019

Ikea ovunque: marketing integrato di successo

Mentre per Zara e Amazon le ragioni del successo sono da ritrovare nella sapiente gestione di un canale di comunicazione ben studiato, per Ikea la situazione è diversa e più articolata.

+39 329 037 44 25
info@marketingstudio.it
Chiama Contattaci